La Chiesa di Reggio Calabria ricorda don Domenico Farias

Il sacerdote reggino ha lasciato un'impronta indimenticabile grazie anche alla sua spiccata sensibilità spirituale e culturale
Nel pomeriggio di mercoledì 22 un incontro pubblico per commemorare la figura di don Domenico Farias. Si svolgerà presso il Seminario Arcivescovile "Pio XI" di Reggio Calabria ed è promosso da diversi enti della Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova. Previsto l'intervento di don Giuseppe Ruggeri cui seguirà un dibattito tra i presenti.

Mercoeldì 22 alle 17.45, presso l’Aula magna del Seminario arcivescovile “Pio XI” di Reggio Calabria si terrà un incontro pubblico in memoria del Canonico, monsignor Domenico Farias, a vent’anni dalla morte.

A promuoverlo è l’arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova in alcune sue importanti articolazioni, quali il Movimento ecclesiale impegno culturale (Meic), l’Istituto superiore di Scienze religiose “Monsignor Vincenzo Zoccali), la Biblioteca diocesana, intitolata proprio all’indimenticato monsignor Domenico Farias, il Museo diocesano “Aurelio Sorrentino”, l'Archivio storico diocesano, la Fuci, il Centro diocesano Migrantes, il seminario arcivescovile “Pio XI” e l’Istituto superiore di formazione socio-politica “Monsignor Antonio Lanza”.

Durante l’incontro si terrà la relazione di don Giuseppe Ruggeri, docente emerito di teologia fondamentale presso lo Studio teologico di Catania. Ha insegnato all’Università Gregoriana e alla Urbaniana di Roma e ha tenuto la supplenza della cattedra di teologia fondamentale alla Facoltà di teologia cattolica dell’Università di Tübingen (Germania). È stato tra i fondatori della rivista Communio e ne ha diretto l’edizione italiana per i primi quattro anni; ha fatto quindi parte del Consiglio di direzione di Concilium. È direttore responsabile della rivista Cristianesimo nella storia. Dopo la relazione di don Ruggeri seguirà il dibattito tra i presenti.

Copyright © Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova 2022


Back to top

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, al solo fine di migliorare la navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per leggere l'informativa estesa clicca su Leggi l'informativa.