Madonna della Consolazione, il Papa benedirà le corone

Quest'anno ricorre il terzo centenario dalla prima incoronazione avvenuta nel 1722: il rito si ripeterà nel mese di settembre

Domani Papa Francesco, a margine della consueta udienza del mercoledì, benedirà le corone che saranno poi collocate sull'Effigie della Madonna della Consolazione, patrona di Reggio Calabria. Saranno presenti l'arcivescovo Morrone, una delegazione dei Frati Cappuccini del Santuario dell'Eremo, una delegazione dei portatori della Vara e il parroco della Cattedrale.

L'arcivescovo metropolita di Reggio Calabria - Bova e presidente della Conferenza episcopale calabra, monsignor Fortunato Morrone assieme alla delegazione dei Frati Cappuccini, guidata dal Padre Provinciale, padre Pietro Ammendola, alla delegazione dei portatori della Vara e al parroco della Cattedrale, consegnerà le corone della Madonna della Consolazione al Santo Padre per farle benedire.

Tutto questo avverrà domani, 18 maggio, a margine dell'udienza di Papa Francesco nell'aula Paolo VI in Città del Vaticano. Il motivo di questa benedizione è legata al terzo centenario della prima incoronazione del quadro della Madonna della Consolazione.

Come si legge nel libro di padre Giuseppe Sinopoli, "La Madonna della Consolazione. I Frati Cappuccini ed il Popolo Reggino", le prime notizie delle corone risalgono al 1719.

Un anno che «i reggini e i cappuccini lo ricordano per un lietissimo evento». «Si usava ogni anno - si legge nel libro - sorteggiare il nome di una popolare immagine mariana che si venerava nel mondo. Quell'anno il concittadino reggino don Antonio Spizzicagigli, canonico del Capitolo della Cattedrale e fondatore in Reggio di una "biblioteca dei poveri" ha pensato di aggiungere il biglietto, all'elenco dei partecipanti, con su scritto il nome del nostro venerato Quadro».

Scrive padre Sinopoli: «Provvidenza ha voluto che venisse estratto proprio il biglietto di monsignor Spizzicagigli, delegato dallo stesso Capitolo Vaticano, che intanto aveva fatto realizzare due splendide corone d'oro da porre sulle teste della Vergine e del Bambino Gesù, a procedere al solenne rito dell'incoronazione, dato che il Pastore dell'arcidiocesi monsignor Giovan Andrea Monreale si trovava fuori sede».

Nel sottolineare la prima incoronazione, il Cappuccino evidenzia come «il mirabile evento ha avuto luogo il 15 settembre 1722, rogando, per loccasione, un atto pubblico per mano del notaio regio ed apostolico Gregorio Antonio Pugliatti».

Copyright © Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova 2022


Back to top

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, al solo fine di migliorare la navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per leggere l'informativa estesa clicca su Leggi l'informativa.