“Questa economia uccide”: la via della convivialità e della decrescita

economiauccideProsegue il percorso di formazione sociopolitica dell'Istituto Lanza: “l'uomo economico ha prodotto la crisi che stiamo attraversando"
”Il secondo incontro dei corsi 2015-16 dell’Istituto Superiore di Formazione Politico-Sociale ”Mons. A. Lanza’’, curato dalla prof. Giovanna Cassalia, ha avuto per tema: Un’altra rotta: la via della convivialità (e della decrescita?).
Il mondo è sull’orlo del baratro: “le previsioni catastrofiche ormai non si possono più guardare con disprezzo e con ironia: potremmo lasciare alle prossime generazioni troppe macerie, deserti e sporcizia” (Laudato si’ 161).


Il modello della crescita infinita – costruito dalla hybris dell’ ‘uomo economico’, ossessionato dal denaro e obbediente agli imperativi del produrre, consumare, competere - ha prodotto la grave crisi che stiamo attraversando.
Crisi non solo economico-finanziaria, anche antropologico-ecologica.
Irreversibile se non si cambia rotta senza indugi.
Si persevera nel far credere che si tratti di una crisi interna al sistema, che, ferito, può essere curato e ri-sanato con un programma “di ripresa controllata dal rigore e di austerità temperata dal rilancio”(sic!).
E si spiega - con cinica efficacia comunicativa - che i sacrifici richiesti sono ‘necessari e inevitabili’.
E intanto le incontrastate ‘formazioni predatorie’ sovranazionali, strutture di peccato complesse e globali, consolidano il loro strabordante potere economico-finanziario e, ignorando ogni limite antropico ed entropico, accelerano e rafforzano i processi di distruzione di risorse e persone, producendo esclusioni e scarti anche umani: “il sistema sociale ed economico è ingiusto alla radice”; “questa economia uccide” (Evangelii gaudium 59,53).
La natura non è “qualcosa di separato da noi, o mera cornice della nostra vita. Siamo inclusi in essa e ne siamo compenetrati” (Laudato si’, 139); “viviamo in comunione con essa”; “l’abuso e la distruzione dell’ambiente […] sono associati ad un inarrestabile processo di esclusione [… dei] deboli e meno abili.
L’esclusione politica e sociale […] è una negazione totale della fraternità umana e un gravissimo attentato ai diritti umani e dell’ambiente” (così Papa Francesco), sì che qualsiasi danno all’ambiente è un danno all’umanità e viceversa.
Urge una svolta radicale. Procedendo prima a “decolonizzare l’immaginario”, quindi a liberare l’immaginazione.
Per ripensare in chiave di ecologia integrale e integrante modelli antropologici, culturali, politici, sociali, economici capaci di ispirare decisioni politiche ed economiche a misura della dignità dell’uomo e di quella della natura, che è la misura della giustizia, restitutiva innanzitutto, oltre che (re)distributiva, commutativa o retributiva.
E promuovere l’educazione a nuovi stili di vita.
Come quello, sicuramente fecondo per la sua carica intrinsecamente inclusiva, della convivialità.
“Arte di convivere senza massacrarsi” (Caillé), restituendo umanità al vivere nel mondo, la convivialità consentirebbe “uno sviluppo proporzionato e armonioso secondo appropriatezza e specificità” (Illich).
Meglio se accompagnata e alimentata dalla decrescita, da intendersi principalmente come obiezione all’imperativo della crescita economica infinita (Latouche), non certo come ritorno all’età della pietra o rinnegamento delle moderne conquiste tecnoscientifiche.
Motivata, la decrescita conviviale, dallo spirito e dalla logica del dono, che apre e fonda lo spazio della libertà e istituisce relazioni orizzontali in una trama di reciprocità fiduciale: condizioni imprescindibili d’ogni democrazia.
Giovanna Cassalia

Copyright © Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova 2019


Back to top

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, al solo fine di migliorare la navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per leggere l'informativa estesa clicca su Leggi l'informativa.