Dovunque tu sei vero, Dio è con te

Il commento di don Tonino Sgrò al Vangelo della Domenica.

Donna samaritana, che nell’ora più calda del giorno esci di casa per attingere acqua, sai bene che non incontrerai nessuno lungo il tragitto e nemmeno lì al pozzo, perché a quell’ora tutti sono già rientrati e tu potrai prendere di quell’acqua senza il timore di incrociare sguardi di giudizio e di accusa. E invece oggi non è un giorno come tanti altri, quando arrivi al pozzo c’è un uomo lì seduto.

Pin It

Penso che già questo ti abbia messo a disagio, immagino la tua faccia che cambia espressione, forse si colora un po’ per la vergogna … ma hai bisogno di acqua e, giunta fino a lì, non puoi tornare indietro. Chi è quel viandante? Che ci fa lì? E perché ha iniziato a parlarti? Dalla voce capisci che è un Giudeo e ne rimani sconvolta: i Giudei non hanno rapporti con i Samaritani, si sentono superiori, non rivolgono loro la parola, ancor peggio se si tratta di una donna. Eppure lui lo fa: «dammi da bere». Non sai ancora con chi stai parlando, non lo conosci, eppure ti accorgi che non è come tutti gli altri; non ti guarda dall’alto in basso, ti guarda negli occhi; non sembra interessato al tuo corpo, punta invece al cuore. Parla di «dono di Dio» e di «acqua viva» e ti dice che lui ne detiene il segreto. Forse osa paragonarsi al padre Giacobbe, «che ci diede il pozzo»? Ma chi è? E cos’è l’acqua viva, mentre lì c’è soltanto un pozzo che raccoglie l’acqua trovata nel sottosuolo, non assimilabile ad una sorgente che scorre sempre? Quest’uomo non arretra, anzi incalza e sostiene che quell’’acqua estingue ogni sete; addirittura se tu ne bevi diventerà in te «sorgente d’acqua che zampilla per la vita eterna». A questo punto non capisci più niente, però ti senti attratta irresistibilmente da lui, perché ti dischiude orizzonti mai intravisti prima. Non capisci ma ti fidi e vuoi conoscere il suo segreto, e cominci a chiedere: «dammi quest’acqua». Che strano, prima era l’uomo che chiedeva, adesso sei tu; e non cerchi più un amore malato che fino a qual momento avevi mendicato qua e là senza mai trovare pace. Adesso sei interessata all’acqua misteriosa. D’un tratto l’incantesimo sembra rompersi: Va’ a chiamare tuo marito». Ecco un altro che rinfacciai un passato da cui non riuscirai mai a liberarti e un presente che ancora ti lega. Persino lui, che appariva diverso, ti punta il dito: ci sarà un giorno in cui non ti dovrai vergognare di te stessa? Eppure dentro questa storia maledetta si può costruire qualcosa di nuovo; è vero, donna, hai sbagliato tanto nella vita, ma adesso hai avuto il coraggio della verità: «Hai detto bene: “Io non ho marito”». Dovunque tu sei vera, Dio è con te! Chi comprende questo, ha aperto la breccia da cui l’acqua viva può entrare dentro di sé. Adesso lo riconosci come profeta e puoi ascoltare da lui le verità più grandi. Ti viene detto che Dio non può essere confinato su un monte o in un tempio, ma Egli abita nel cuore di chi cerca l’amore vero.
Abbiamo tutti una grande e continua sete di amore, non ci basta mai. Siamo assetati di amore vero, gratuito, disinteressato. E quanta sofferenza quando non ci sentiamo amati, quando non riceviamo quei piccoli gesti, semplici e quotidiani, con i quali l’amore solitamente si esprime. E oggi questo lo comprendiamo ancora di più, oggi che non possiamo donare un bacio, un abbraccio, una stretta di mano. Lo capiamo perché ci manca terribilmente, tanto che ci ingegniamo a trovare modi alternativi per dirci che ci volgiamo bene. Ecco che cos’è il dono di Dio, è il suo Amore, l’unico capace di estinguere la sete che portiamo dentro e di generare dentro di noi altro amore... per la vita eterna. Sì, perché se fede e speranza non serviranno più dopo questa vita, l’amore è l’unico a rimanere, ed è lì che andremo, alla sorgente di ogni amore. Significa che anche ora, al tempo del Coronavirus, pur se i gesti consueti sono cambiati, l’amore troverà il modo per fluire e arrivare al cuore di chi amiamo. E se per il bene dell’altro, per amore suo dobbiamo rimanere a casa, allora è un sacrificio che possiamo compiere. Liberi da ogni egoismo, sapremo sacrificare la nostra libertà per il bene degli altri, che oggi più che mai sentiamo fratelli. E, quando tutto questo sarà passato, gusteremo la gioia di ritrovarci insieme.
Lascerai la tua anfora che conteneva acqua di pozzo, donna di Samaria, e annuncerai alla gente di aver trovato il Cristo; e crederanno per la tua parola, ma soprattutto perché potranno rivivere in se stessi l’identica tua esperienza: è proprio vero, chi si ferma si incontra, come te, come loro, come noi al tempo del Coronavirus.

Copyright © Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova 2020


Back to top

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, al solo fine di migliorare la navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per leggere l'informativa estesa clicca su Leggi l'informativa.