Tommaso, la pazienza del nostro risorgere

L'apostolo Tommaso e l'apparizione del RisortoIl commento al Vangelo della Domenica a cura di don Tonino Sgrò
Chi di noi ha provato almeno una volta la sensazione di essere tagliato fuori da qualcosa di importante, di essere mancato ad un evento che potrebbe non ripetersi più, forse è in grado di capire i sentimenti di Tommaso, che invece di esultare alla notizia del trionfo della vita, «Abbiamo visto il Signore!», non si lascia coinvolgere in una gioia che ti chiede solo di fidarti e si ancora unicamente alle proprie certezze: «Se non vedo…io non credo». L’apostolo innamorato, che aveva accettato l’eventualità di morire per mano dei Giudei, allorquando Gesù manifestò la volontà di andare a ‘svegliare’ Lazzaro; il discepolo perseverante, che interroga il Maestro nel discorso d’addio per «conoscere la via» per la quale Egli si sta inoltrando, adesso è travolto dal dubbio. Quali domande lo attraversano?

Forse le più drammatiche sono: perché perdiamo le persone che amiamo? Perché il dolore innocente? Nessuno ancora aveva saputo dargli una risposta soddisfacente e questo potrebbe essere il motivo per cui egli si allontana per un tempo dalla comunità. Non è la presa di distanza di chi rinnega disperatamente tutto come Giuda, ma il bisogno di trovare un senso più accettabile al dolore della perdita. Tommaso, che ha talmente sofferto da non sapere se riuscirà più ad amare di nuovo, non riesce neanche a respirare in quella comunità chiusa in se stessa perché non ha ancora ricevuto il respiro del Risorto. Il suo allontanamento però è stato fatale, perché gli impedisce di farsi trovare all’appuntamento con Gesù, che otto giorni prima ha donato lo Spirito Santo e ha reso gli apostoli amministratori del bene più grande dell’umanità, il perdono dei peccati. Chi desiste nel cammino di fede non deve essere condannato, ma atteso, perché la Parola del Maestro continua misteriosamente a risuonare nel cuore del discepolo. Infatti Tommaso torna, il suo senso di appartenenza alla comunità non è venuto meno, sente ancora il bisogno di condividere i suoi smarrimenti o forse anche le intuizioni che ha maturato fuori. Ora, accade che, rientrando, è investito da quell’annuncio inedito, ancora più sconvolgente della stessa morte di Cristo. Probabilmente adesso ai dubbi si aggiunge la rabbia anche con se stesso per non esserci stato a quell’incontro così solenne che, se fosse vero, lo ha lasciato fuori dal dono della misericordia. E quando non ti senti perdonato, o non ti sai perdonare, diventi più rigido e chiuso di prima. Tommaso non crede sia possibile una vita che supera l’esperienza visibile e tangibile della morte, crede che non si possa tornare indietro, e in questo ha ragione: bisogna andare avanti, pensare in maniera nuova, guardare la vita con la certezza che l’amore non viene mai cancellato e ti accompagna sempre. Per quanto si sforzi, l’apostolo non può trovare da solo uno sbocco ai suoi tormenti e sarà necessaria l’iniziativa gratuita di Gesù perché egli esca dal limbo. Sembra che il Signore «otto giorni dopo» appaia di nuovo proprio per incontrare Tommaso. Non si dimentica di te il tuo Dio e quando, come il figlio minore della parabola, hai imboccato la strada del ritorno a casa, si fa riconoscere come un Padre misericordioso e parla al tuo cuore ferito. Lo fa mostrando le sue ferite, perché per credere di nuovo nella vita e continuare ad amare abbiamo bisogno di guardare alla nostre ferite con gli occhi di chi, in forza di una comunanza con noi nel dolore, può dirci una parola autorevole su di esso fino a spiegarcene il senso. Le ferite di Gesù rimangono aperte, come le nostre, ma il Samaritano vi versa olio e vino, le fa brillare di un significato nuovo che porta gradualmente alla gioia. Per giungere a questa meta bisogna non solo accostarsi con coraggio all’esperienza della sofferenza altrui e propria, ma occorre farlo cercando in essa i segni dell’amore di Cristo lì presente, che ti dice di non temere se le trafitture della vita ti scarnificano, di non aver paura dei tuoi vuoti, perché proprio lì nasce, come sorgente traboccante dal costato di Cristo, il desiderio di una pienezza che solo Dio può dare. Tommaso non ha bisogno ormai di toccare, si sente perdonato nella sua incredulità e può pronunciare la più alta professione di fede del Nuovo Testamento: «Mio Signore e mio Dio!». L’itinerario si è completato e ora l’apostolo crede che queste mani saranno ancora capaci di sostenerlo nella vita perché sono mani che compiono l’opera di Dio. Gesù conclude dichiarando beato chi va oltre il toccare e il vedere, fidandosi di una storia di vita risorta che il vangelo non smette di proclamare.

Copyright © Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova 2019


Back to top

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, al solo fine di migliorare la navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per leggere l'informativa estesa clicca su Leggi l'informativa.