Mons. Morosini sul biotestamento approvato dal Comune: "L'eutanasia è inaccettabile"

Gravi lacune su: nutrizione artificiale, idratazione e ruolo svolto dal personale medico
Abbiamo chiesto a Mons. Morosini, Arcivescovo di Reggio Calabria - Bova, di esprimersi sull'approvazione del regolamento per il testamento biologico voluta dal Comune di Reggio Calabria. Ecco le sue risposte:
1. Eccellenza, il comune di Reggio Calabria ha approvato il regolamento per il registro del testamento biologico. Qual è il suo pensiero sul registro?


Avere questo registro non è un problema morale, anzi potrebbe essere un fatto consigliabile. Il problema è se il testamento biologico si trasforma in forma più o meno oscura di eutanasia.
2. L'iter di approvazione è stato piuttosto rapido...l'8 gennaio è stato discusso in commissione ed il 19 approvato in Consiglio. In molti hanno lamentato la mancanza di dialogo, di confronto e di approfondimento. Eppure su un tema così importante il coinvolgimento sarebbe dovuto essere diverso.
Non faccio alcun commento su ciò. La politica sorprende sempre, soprattutto nella valutazione delle urgenze che riguardano il bene comune.
3. La Chiesa Cattolica di Reggio è stata ufficialmente coinvolta nella stesura del regolamento?
Assolutamente no.
4. Nel testo definitivo approvato in Consiglio manca un riferimento esplicito alla nutrizione artificiale, alla idratazione e al ruolo svolto dal personale medico. Cosa ne pensa di queste lacune? Rappresentano una svista che favorirebbe un approccio pro eutanasia?
Non so se sia stata una svista o scelta ideologica; anzi pare proprio non sia stata una svista, perché, mi informano, qualche voce si è alzata in seno al consiglio comunale per chiedere questi chiarimenti. Nel rispetto più totale delle scelte dei valori che devono ispirare la nostra vita, torno a precisare che essere cristiani non vuol dire partecipare a parate religiose, ma ispirare ed orientare i comportamenti, privati e pubblici, verso i valori predicati da Gesù Cristo. Il rispetto della vita umana, dal suo concepimento alla sua fine naturale, è un valore indiscutibile, che ha creato per secoli in mezzo a noi una cultura di vita. L’eutanasia, più o meno larvata, non è accettabile per un cristiano. Certi valori, come il rispetto assoluto della vita umana, non sono valori prettamente religiosi, che possono essere lasciati alla opzionalità della persona, ma valori che costruiscono il bene comune al di là delle scelte religiose.

Davide Imeneo

Copyright © Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova 2019


Back to top

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, al solo fine di migliorare la navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per leggere l'informativa estesa clicca su Leggi l'informativa.