Mons. Morosini: “lo Stato attui la promozione sociale”

Mons. Giuseppe Fiorini Morosini, Arcivescovo di Reggio Calabria - BovaLe considerazioni dell'Arcivescovo di Reggio Calabria dopo l'incontro in Commissione Antimafia
La commissione antimafia ha voluto incontrare l'episcopato calabro in seguito al documento pubblicato a Natale scorso e presentato alla stampa il 2 gennaio. “La presidente Bindi, afferma Mons. Morosini, si è congratulata con noi Vescovi per il lavoro svolto, ha anche ringraziato e si è confrontata con noi sulla presenza del fenomeno malavitoso in regione: ci si è chiesti come poter lavorare insieme”.


La principale indicazione emersa dall'incontro di Lamezia è la necessità della sinergia tra Stato e Chiesa: bisogna lavorare insieme affinché il contrasto al fenomeno malavitoso sia efficace. Mons. Morosini sostiene che il confronto con la Commissione Antimafia sia stato molto utile e fruttuoso soprattutto per due motivi: “prima di tutto perché abbiamo tentato di sanare alcune incomprensioni sui rispettivi ruoli che la Chiesa e lo Stato rivestono difronte al fenomeno mafioso.
Abbiamo chiarito che il compito della Chiesa è evangelizzare ed educare le coscienze: non tocca a noi assegnare le etichette di mafiosi alle persone, è compito della magistratura indicare coloro che appartengono alla 'ndrangheta”. In secondo luogo vi è stato un proficuo confronto sulla giustizia e sulla misericordia: “la Chiesa segue il suo cammino evangelico e non può essere influenzata dai tribunali: a tutti deve predicare la conversione!”. Su questo secondo punto, assicura Mons. Morosini, vi è stata piena convergenza da parte dei componenti della commissione: “anche per la Costituzione, infatti, ogni pena inflitta è finalizzata alla rieducazione del condannato”.
Un ultimo tema affrontato, sul quale i Vescovi hanno insistito molto, è stato quello della promozione sociale. “La 'ndrangheta infatti, continua padre Giuseppe, non si vince con la sola repressione ma anche con la crescita culturale, sociale e con il lavoro. I nostri giovani non devono essere costretti a trovare il modo per andare via, ma sarebbe meglio che restassero qui per cambiare questa terra: abbiamo chiesto alla commissione di fare di tutto perché la politica promuova il lavoro in Calabria”.

Copyright © Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova 2019


Back to top

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, al solo fine di migliorare la navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per leggere l'informativa estesa clicca su Leggi l'informativa.